Neo-ristorazione: cos’è?

Fritto misto alla livorneseLe ricerche di mercato condotte dall’Istat mettono in evidenza i comportamenti che i consumatori mettono in atto consumando pasti fuori dalle mura domestiche.

L’esempio di alcune tendenze alimentari in Italia ci viene fornito da questi dati:

1. Il 66% della popolazione consuma la prima colazione completa;
2. Più del 50% degli adulti consuma uno spuntino fuori pasto;
3. Lavoratori e studenti consumano, a pranzo, principalmente panini e/o piatti unici;
4. Quotidianamente il 75% degli adulti consumano il dessert.

Dalle inchieste di settore emergono poi due atteggiamenti diversi rispetto al cibo, due diversi modi di approcciarsi al mercato e ai prodotti in esso commercializzati. La dicotomia è tra prodotti industriali e prodotti alimentari di qualità:

Leggi il resto di questa voce

Annunci

2018 ANNO DEL CIBO ITALIANO – GENNAIO AL MUSEO

Locandina Giuseppe Casciaro

Il mio naturale amore per la cucina e per la pittura mi portarono a scrivere un breve post, il 15 gennaio del 2016, sul meraviglioso connubio tra arte e cibo. Lo misi in relazione, per la  profonda impronta che storicamente diedero in questo ambito, e che  ancora oggi danno  gli artisti salentini, con l’opera di Antonio Trenta e Biagio Magliani. Lo intitolai “il cibo nell’arte pittorica” e parlai di questi due artisti, nostri contemporanei, che si rifanno alla scuola di pittori nata con Gioacchino Toma e arrivata fino a noi attraverso Giuseppe Casciaro e altri che ora non ritengo opportuno citare. La mia soddisfazione è nell’osservare che l’iniziativa a cui hanno dato vita, proprio in questi giorni, “2018 The year of italian Food“, il Ministero dei Beni Culturali in collaborazione con quello delle politiche agricole, alimentari e forestali, contempli, fra le varie locandine, un’opera di uno dei maggiori maestri salentini, Giuseppe Casciaro, un pastello dal titolo “natura morta con zucche” del 1941, anno della sua scomparsa.

Il cibo, dunque, una risorsa economica e culturale del nostro paese ma anche, citando il mio articolo: “Il cibo non più bene utile al corpo ma risorsa inesauribile per l’anima, che corrobora lo spirito nei momenti in cui il tangibile perde le sue specifiche proprietà a vantaggio dell’inconsueta bontà dell’eterno e non più effimero alimento: l’opera d’arte”!

Qui di seguito sono riportati tutti i dettagli dell’iniziativa.

Leggi il resto di questa voce

Il pasticciotto Martanese a Merano

20171026_131111Per tutti i leccesi è il “Dolce” per definizione … ogni paese ne esibisce una tipologia con caratteristiche peculiari tipiche della tradizione che ognuno rivendica come propria, ma che tutti sanno bene sia merito del maestro pasticcere galatinese Ascalone. Martano bellissima cittadina a due passi da Galatina, sulla strada per Otranto, si fa vanto di una ricetta tradizionale tutta propria il “pasticciotto di Ficile”, storica pasticceria in Piazza Assunta dove il ghiotto dolce si distingue per la caratteristica forma svasata, dal bordo arricciato, l’inconfondibile friabilità della pasta frolla e per il dolce velo di zucchero spolverato in superficie. Ma a Martano, paese dei mille mestieri e delle altissime professionalità in ogni campo dell’artigianato, coesistono numerosi altri professionisti in grado di offrire specialità alimentari e non solo, occupando, ognuno, la propria nobile fetta di mercato.

E così al già citato … “Lu pasticciottu dellu Ficile” si aggiungono “lu gelatu te mesciu Teta“, “lu mustazzolu e la cupeta dellu Stella“, “lu rusticu dellu Sbocchi” e via discorrendo, solo per citarne alcuni o semplicemente per raccontare quali giri io stesso mi costringa a fare ogniqualvolta rientri nella mia città d’origine.

Leggi il resto di questa voce

Gallipoli: Settimana della Cultura del Mare

Si terrà a Gallipoli dal 21 al 27 ottobre 2017 la Settimana della Cultura del Mare. Giunto alla sua 6^ edizione, l’evento si snoda in una serie di appuntamenti culturali, e non solo, fruibili durante l’arco di un’intera settimana. La manifestazione è ambientata tra vicoli e palazzi storici della città di Gallipoli (perla del Salento per movimento turistico e offerta culturale) ed è un vero e proprio caleidoscopio dell’universo che ruota intorno al “mare nostrum” e al suo indotto.

Settimana cultura del mare

Un “contenitore culturale” che ha l’obiettivo di esaltare, nei vari aspetti, l’inscindibile legame esistente tra uomo e mare. La manifestazione spazia dalla valorizzazione del comparto marinaro al turismo, dal cinema  all’arte e alla formazione in questa moltitudine di ambiti che la realtà “mare” magicamente aziona – la rivalutazione dei mestieri del mare, ovvero la pesca e il turismo.

Leggi il resto di questa voce

World Tourism Day 2017

27 settembre, giornata del turismo mondiale

 “Il mondo è come un libro, e chi non viaggia ne legge solo una pagina”. (Sant’ Agostino). La giornata mondiale del turismo (in inglese World Tourism Day) è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 settembre di ogni anno. È stata così designata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite del settembre 1979. Per esempio lo scorso anno per il 37º anniversario (1980 – 2016) della Giornata Mondiale del Turismo, commemorato in un paese del Sud Est asiatico, la Tailandia, il tema è stato: “il Turismo per tutti: promuovere l’accessibilità universale“. Il viaggio che diviene quasi un “Karma” per ogni essere vivente che intenda vivere pienamente la propria vita sul nostro pianeta. 

Word Tourism Day

Word Tourism Day

Ammontano, nel 2016, a  circa 1 miliardo e 300 milioni i viaggiatori nel mondo ed il settore è in progressione positiva dal 1990.

Sono più di 50 milioni i turisti stranieri in Italia e all’incirca un impiagato su 10 è occupato in uno dei settori del comparto turistico.

Leggi il resto di questa voce

Marchi di tutela simbolo di qualità degli alimenti

marchio-tutela-dopA tutela dei prodotti di qualità

Ogni consumatore quando acquista dei prodotti alimentari, dovrebbe cercare in essi due caratteristiche fondamentali, la salubrità e la genuinità. Ma cosa vuol dire?

La salubrità di un alimento consiste nel garantire, al momento dell’acquisto, il consumatore dell’assenza di alterazioni potenzialmente dannose per la salute; invece si parla di un alimento genuino quando è conforme ai requisiti di legge, ovvero quando le materie prime impiegate sono autentiche ed in alcuni casi a filiera corta o meglio del territorio di origine (svariati gli esempi che possono ricondurre ad ingredienti di non provata genuinità, uno  può essere l’aggiunta di acqua nel vino, nel migliore dei casi).

Per tutelare i prodotti alimentari di qualità, da tali rischi, la comunità europea ha emanato norme “ad hoc” che prevedono il rispetto di una serie di regole di produzione, che sono contenute nel cosiddetto “disciplinare di produzione“, ed un capillare sistema di controlli volti a rendere efficaci tali leggi. Un intero sistema di regole, controlli e sanzioni ideato per tetelare i consumatori ed i tanto decantati marchi di tutela. I più noti e diffusi sul territorio nazionale ed internazionale sono:

Leggi il resto di questa voce

Gioacchino Toma, il sorriso della sua Gioconda.

InMostraBlog.com

gioacchino_tomaTòma, Gioacchino. – “Pittore (Galatina, Lecce, 1836 – Napoli 1891). Autodidatta, nel 1855 si stabilì a Napoli dove, attivo come ornamentista, esordì dipingendo alcune nature morte. In contatto dal 1857 con i gruppi di cospirazione antiborbonica, combattè nel 1860 a fianco di Garibaldi. Dal 1861 T. cominciò a dipingere, con sensibilità vicina a quella di F. Palizzi e D. Morelli, opere che risentono, nella scelta dei temi, dei suoi ideali politici (Roma o morte, 1863, Lecce, Museo civico) maturando un linguaggio personale caratterizzato da un naturalismo dai toni sobrî e da una visione intimista accompagnata da sottili ricerche di effetti di luce, tenue e smorzata (Roma, Galleria nazionale d’arte moderna: Il viatico dell’orfana, 1877; Luisa Sanfelice in carcere, 1877). Nominato in seguito (1878) professore di disegno all’Accademia di Napoli, dal 1879dipinse anche piccoli paesaggi, marine…

View original post 1.251 altre parole

Catering industriale, Sodexo, innovazione su scala mondiale

Il Catering industriale

Quando si parla di catering industriale si legge, sui libri di testo scolastici, una definizione semplicistica, opinabile ed equivoca, di un catering: “indirizzato a varie forme di ristorazione collettiva, attuato su larga scala da grandi aziende attraverso centri di produzione pasti equipaggiati con attrezzature tecnologicamente avanzate“.

(fonte: G. Frangini, MasterLab, Le Monnier scuola, pag. 85)

Vero in parte, o forse, per necessità editoriali a volte si sintetizza troppo, ritenendolo marginale, un concetto-argomento molto vasto e dalle innumerevoli possibilità di studio e, nel nostro caso, anche sbocco professionale.

Siamo soliti anche definire il catering e il banqueting come due accezioni diverse, ma così non è. Si parla di catering per definire il più ampio concetto di “somministrazione” …. ma di cosa?

Leggi il resto di questa voce

BTM Puglia – il mondo del turismo a Lecce

btm_marchio_orizzontale-colorFervono i preparativi per la terza edizione di BTM Puglia (Business Tourism Management), di scena a Lecce dal 16 al 18 febbraio, nelle sale del Castello Carlo V. La manifestazione, che ha il supporto di Pugliapromozione, è un contenitore in cui domanda e offerta si confrontano per pianificare congiuntamente nuove strategie di marketing.

È l’unico evento in Puglia a riunire tutti i principali protagonisti del settore ed è rivolto non solo agli addetti ai lavori, ma anche a visitatori o semplici curiosi. Quest’anno è prevista la presenza di 120 espositori, 50 buyers internazionali, relatori, bloggers.

Leggi il resto di questa voce

Cibo e Colore: l’arte in cucina

La psicologia del colore nella realizzazione di un piatto 

Dopo l’articolo dello scorso gennaio 2015 sul cibo nell’arte pittorica è doveroso trattare l’importanza del colore nell’elaborazione delle pietanze, importanza da considerarsi sia per quanto riguarda il rapporto sostanziale tra colore e nutrienti del cibo, sia per l’aspetto più formale del colore ed dei suoi messaggi subliminali percepiti dalla psiche. Il colore dunque quale  “trait d’union” tra l’arte nella sua più elevata accezione e l’effimera omologa arte culinaria.

“Con la modernizzazione della gastronomia l’estetica del piatto ricopre un ruolo essenziale poiché crea un connubio perfetto tra varie sfere sensoriali inoltre appare come specchio della società che ovviamente subisce influenze culturali e artistiche in base al momento storico. Tanto è vero che un bel piatto, nel momento della degustazione potrà sembrare molto più buono.

Leggi il resto di questa voce